Via Giuliano Ricci 11/e Firenze, Italy info@studiobellesi.com +39 055 4223216

Progettare il giardino italiano contemporaneo

Gli amici della rosa: quali piante usare insieme alla rosa nel progetto del giardino?

radda verbena erigeron cerastium teucrium amici della rosa

La rosa non deve essere concepita soltanto come pianta esclusiva, come nel caso dei roseti, ma può essere utilizzata in tantissimi modi e in associazione con piante molto diverse tra loro. Chi sono quindi gli “amici della rosa”?

horti picti domus pompei amici della rosa

Gli “horti picti” della domus pompeiana

UN PO’ DI STORIA

La rosa è in effetti sottovalutata, e purtroppo nel campo della progettazione del giardino questa specie straordinaria non è sfruttata quanto meriterebbe. Essa appartiene alla nostra tradizione e alla nostra cultura fin dall’antichità, come testimoniano gli affreschi rinvenuti sulle abitazioni romane di Pompei, nelle quali le rose sono ben evidenti insieme ad un gran numero di altre piante ed animali rappresentati con straordinario realismo. Nella storia del giardino però il numero di specie di rosa che venivano impiegate è rimasto assai ridotto per lungo tempo, con un utilizzo settoriale, ovvero per la creazione di profumi, di spalliere, e limitati contributi nella progettazione dei giardini. Nell’Ottocento, in seguito all’ibridazione con le specie orientali, vennero prodotte decine e poi centinaia di nuove varietà, che sono potute giungere fino a noi grazie alla capacità di vivaisti specializzati e roseti, con risultati straordinari.

IL ROSETO

Nonostante alcune eccezioni straordinarie, la maggior parte delle rose sono raccolte nei roseti. Questa concezione è ancora oggi assai radicata, e in giro per il mondo ci sono centinaia di esempi di collezioni di rose, come il Giardino delle Rose a Firenze, realizzato dal Poggi alla fine dell’Ottocento insieme ai lavori di Firenze Capitale, ma molti meno dell’impiego della rosa con altre piante. Tornando a tempi più recenti, bisogna ammettere che il roseto si è anch’esso evoluto, con operazioni di successo, soprattutto all’estero, di progettazione di questi spazi da collezione che siano maggiormente in linea con lo stile e la percezione contemporanea. Tra gli esempi più interessanti segnaliamo il roseto dei Savill Gardens a Windsor in Inghilterra. In ogni caso stiamo parlando ancora di roseti, e non di giardini contemporanei.

savill gardens windsor roseto contemporaneo amici della rosa

Savill Gardens, Windsor

IL GIARDINO CONTEMPORANEO

Il giardino contemporaneo non è più ascrivibile agli stili che per secoli ne hanno definito l’arte, ma è il risultato della combinazione di suggestioni di provenienza talvolta assai diversa. Osservando i giardini progettati oggi, un occhio esperto riesce a cogliere ancora i segni del giardino all’italiana, del giardino alla francese o del giardino inglese, per citarne soltanto alcuni, ma essi sono ormai contaminati l’uno con l’altro e con le tendenze attuali in maniera tale che risulta difficile riconoscerli e assegnare loro una categoria. Il giardino contemporaneo è infatti nato come luogo di curiosità, ed è giusto che in esso si possano utilizzare le piante più diverse e provenienti dagli angoli più remoti del pianeta. L’abilità del paesaggista sta nel saper selezionare queste piante in modo tale da dare vita a un insieme equilibrato e coerente. Come affermava Pietro Porcinai:

E conoscerle [le piante] non vuol dire soltanto sapere quale altezza raggiungano e quale colorazione abbiano il fogliame e i fiori, bensì essere a cognizione delle loro esigenze, non solo in quanto a terreno, ma anche in quanto a “simpatia”, cioè a possibilità di vicinanza.

Se non si padroneggia questo sapere, il rischio è di creare delle collezioni di piante che, anche se ricche in diversità botanica, risultano essere però lontane anni luce dall’idea organica ed elegante di “giardino”.

GLI AMICI DELLA ROSA

La rosa nella progettazione è un elemento dalle possibilità infinite. Gli esempi di coniugazione tra rose e altre specie nel progetto del giardino sono infatti molteplici, dalle aiuole alle bordure miste con alberi, con arbusti e con erbacee perenni. Ecco una carrellata di esempi di piante che possono davvero essere chiamate “amici della rosa”.

Le conifere nane costituiscono un gruppo di specie e varietà sempreverdi molto ampio, che hanno una loro identità particolare. Non è però frequente trovarle abbinate alle rose, pur risultando perfettamente complementari con questa specie, grazie ai colori che possono variare dal verde brillante, all’argentato fino al verde scuro. Da non sottovalutare è anche la persistenza del fogliame di queste piante sempreverdi, che anche durante l’inverno conferiscono alle aiuole una ricchezza che la rosa tende a perdere in questa stagione.

rose lavanda amici della rosa

Rose e lavanda

La lavanda, se abbinata alla giusta varietà di rosa, consente di ottenere risultati molto interessanti. Grazie alla ampia diversità tra le varietà di rose esistenti sul mercato, è possibile trovarne di altezze molto diverse. Ad esempio la Rosa mutabilis, grazie alla sua altezza, può essere coniugata con la salvia sovrastandola interamente. Anche con la perovskia, riuscendo a individuare periodi di fioritura convergenti, si possono ottenere abbinamenti di colore straordinari. Tra gli amici della rosa comunemente impiegati ricordiamo le clematidi, le quali riescono ad abbinarsi alla rosa in maniera molto appariscente e elegante. L’uso delle graminacee (ad esempio Pennisetum, Muhlenbergia e Festuca) ha portato una grande leggerezza nei nostri giardini, e se abbinate alla rosa possono dare vita a abbinamenti molto interessanti. Ovviamente è compito del progettista conoscere queste caratteristiche per garantire l’ottenimento dell’effetto voluto. Questo è vero soprattutto nel caso delle bordure miste, dove è facile che la “simpatia” si trasformi in competizione e antagonismo. Vale pur sempre la pena sperimentare!

Per quanto riguarda gli alberi, le rose si accompagnano a meraviglia anche al tasso, all’olivo, alla betulla e agli alberi da frutto. Un po’ più originale è l’abbinamento con le palme, come nel caso dei Giardini del Quirinale, dove le rose si arrampicano sui loro fusti, con un effetto molto particolare.

rose palme quirinale roma amici della rosa

Rose su palme nei Giardini del Quirinale, Roma

Gli amici della rosa comprendono dunque un range ampissimo di specie e varietà. Soltanto la rosa, grazie alle sua versatilità, riesce ad accompagnarsi a un così vasto insieme di piante.

Questo articolo è un sunto dell’intervento di Alberto Giuntoli durante la prima edizione di “Gli Amici della Rosa“, organizzato dal vivaio Rose Barni il 14 e 15 aprile 2018. Visitate il nostro canale youtube per rivivere i momenti salienti della conferenza nella playlist dedicata all’evento. Buona visione!

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *