Via Giuliano Ricci 11/e Firenze, Italy info@studiobellesi.com +39 055 4223216

Progettare il giardino italiano contemporaneo

Come sta cambiando il giardino mediterraneo?

Viaggiando spesso  lungo litorale italiano e francese mi sono accorto di quanto il paesaggio del giardino mediterraneo stia cambiando.

Introducendo sempre più specie esotiche cambiamo via via la percezione dei nostri giardini, quasi senza accorgecene. Questo ci fa riflettere su come stia cambiando lo stile del giardino mediterraneo. Una categoria, questa, non proprio ben definita se non per il fatto che la vegetazione è prevalentemente mediterranea: olivi, lecci, sughere, cipressi, ma anche fillirea, mirto, corbezzolo, palma nana, teucrio, ecc. ecc.. Tutte specie che crescono bene con estati aride e piogge concentrate prima e dopo l’inverno, spesso molto mite, caratteristiche di un  clima, appunto, mediterraneo. Certo, ormai da alcuni secoli, nei ns. giardini mediterranei  son state  introdotte per il gusto dell’esotico, una miriade di palme, Phoenix dactylifera e canariensis, Washingtonia filifera e robusta,  Trachycarpus fortunei, ecc. ecc..

Molti palmeti misti con Cycas a Villa Durazzo Pallavicini -Santa Margerita Ligure

Molti sono gli esempi  di paesaggi “colonizzati” da questo gusto, basti pensare a Villa Hambury a Ventimiglia e tante altre ville in Liguria o nel Sud Italia così come è avvenuto in  Francia. La stessa cosa è avvenuta anche per  alberi ed arbusti come per i bellissimi Ficus macrophylla siciliani che provengono dall’Australia, o lo  Schinus mollle, il Pittosporum tobira e la Cycas revoluta, rispettivamente provenienti dal Sud America, lo Schinus, e dal Giappone le altre, che appaiono ormai quasi “naturali” nel nostro paesaggio. 

LA GLOBALIZZAZIONE PORTA NUOVI ARRIVI 

Non sembri quindi strano che anche la recente globalizzazione ed i cambiamenti climatici favoriscano la moda dell’esotico continuando a farci importare nuove specie, come è stato fatto per secoli, dalle molte regioni a clima mediterraneo che si trovano al mondo ( vedi anche “Piante esotiche e paesaggio: quanto è “naturale” il nostro paesaggio?“) . In realtà infatti questo clima non è solo caratteristico del “Mare nostrum” ma anche di altri territori: California,  Cile,  Argentina, sud Africa, Australia e persino Nuova Zelanda,  solo per fare alcuni esempi. Luoghi dove,  tra l’altro, si producono ottimi vini proprio perché anche la vite predilige  il clima mediterraneo! Da un pò di tempo e quasi senza accorgecene, sono arrivate quindi specie che continuano a modificare sempre più il nostro giardino. Araucaria heterophylla,  Westringia fruticosa, Kniphofia spp., Acca sellowiana, palme  sub tropicali come Syagrus romanzoffiana, Phoenix roebelenii, ecc. ecc.,  sono alberi, arbusti ed erbacee che provengono da ogni parte del mondo.

Laghetto di un giardino storico (Villa Salviati a Firenze) invaso dal Fior di Loto (Nelumbo nucifera) una pianta che può essere infestante nei nostri climi.

IN CITTA’ NEPPURE LE PERSONE SONO AUTOCTONE, PERCHE’ DOVREBBERO ESSERLO LE PIANTE?

La domanda che mi faccio è quindi se dobbiamo, ammesso che sia possibile, opporci a questa “invasione”, oppure lasciare che la natura faccia il suo corso.  Premesso che il giardino è sempre stato il luogo del bello e della sperimentazione del bello (basti pensare al giardino dell’Eden),  e quindi della moda, temo che sia impossibile opporsi a questa trasformazione del nostro gusto e del nostro paesaggio. In fondo nessuno pensa più al fatto che il pittosporo e la camelia provengamo dal Giappone, la Westringia dall’Australia e l’ Acca (Feijoa) sellowiana dal sud America. Anzi alcune specie sono già entrate di diritto nella storia del giardino italiano: i giardini con le palme,  quelli ottocenteschi pervasi dalle camelie o i giardini meridionali ricchi di agrumi. Dopo un pò di anni mi sono convinto che le piante esotiche hanno ogni diritto di arrivare, farsi notare da noialtri paesaggisti e appassionati di piante  e trovare spazio nei nostri giardini. Soprattutto nei giardini urbani dove peraltro abbiamo già pesantemente alterato il clima, perchè non usare la specie più bella e più funzionale per quel luogo? Perché insistere con le specie autoctone che magari non sono neanche in grado di resistere alle temperature ed alla siccità degli asfalti cittadini? In città non c’è più nulla di originario: non lo è l’asfalto  ma neppure il cemento o le enormi vetrate di case ed uffici o i pappagalli che hanno colonizzato molte delle nostre metropoli del centro sud. Neppure noi cittadini siamo autoctoni allora perchè insistere con le piante? Altra  domanda che ci facciamo allora è: ma queste trasformazioni poi cambieranno anche la nostra cultura come l’ha cambiata l’arrivo del pomodoro dalle americhe senza il quale non avremmo lo spaghetto o la pizza! Ma la cambierà in meglio, ricchezza, diversità e complessità sono valori importanti di un sistema ecologico e culle.

VIVA LE ESOTICHE, ABBASSO LE INVASIVE!

Il mio amico Stefano Mancuso nel suo bel   libro (L’incredibile viaggio delle piante, Laterza 2018  ,  scrive che alle piante invasive non dobbiamo opporci. Stefano pensa che niente potrà ostacolare la colonizzazione di ailanto, robinia o piante simili che nel nostro ecosistema sono più forti delle specie native. Quindi tanto vale arrendersi: le “invasive di oggi saranno le native di domani”, conclude. Non sono d’accordo, proprio perchè queste piante invasive, anche se in grado di offrirci alcuni importanti servizi , contribuiscono alla lunga ad una semplificazione dell’ ecosistema e quindi ad una perdita di valore ambientale , estetico e culturale. Basti pensare ad una siepe sempreverde monospecifica rispetto alla stessa realizzata con più specie sempreverdi che arricchiscono in tessitura, tonalità di verde, profumi, habitat, ecc..

Ficus macrophylla – Orto botanico di Palermo (Foto S. Mancuso)

CAMBIAMENTI E CONSERVAZIONE

A fronte del cambiamento di specie allora cosa rimane del  giardino mediterraneo? La voglia di esplorare e conoscere ha da sempre connotato il nostro paese portandoci  a contatto con  altri popoli che ci hanno arricchito da un punto di vista culturale e stilistico. Questa è sicuramente la strada da perseguire anche in futuro: sperimentare. Nel giardino mediterraneo credo che il mantenimento di una connotazione legata al clima aiuti a mantenerne alcuni aspetti caratteristici: i colori grigi o grigiastri saranno sempre presenti così come la presenza  abbondante delle sempreverdi. Certo è che la sostituzione di alcuni elementi focali del giardino (una grande Araucaria è molto diversa da una grande sughera!) altereranno la nostra concezione di questo spazio.
Penso comunque che per mantenere l’identità del giardino mediterraneo italiano la strada giusta sia quella di  continuare a realizzare un giardino disegnato, in linea con con gli stilemi culturali e paesaggistici che abbiamo ereditato ma utilizzando tutta  la palette di specie vegetali che la Natura intera ci ha messo a disposizione.  

Lascio un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *